I Visillanti - VEXILLA REGIS

Vai ai contenuti

Menu principale:

I Visillanti

Vexilla e Visillanti > I Visillanti

La processione del Venerdi Santo ovvero lo sfilare per i due centri cittadini delle ventisei vare raffiguranti i misteri, raggiunge il culmine del proprio fascino anche grazie all'apporto dei Visillanti. Gruppi di persone che in coda ad ogni vara, intonano il lamento del mistero della Croce "Vexilla Regis".
La tradizione vuole che con l'inizio del periodo di Quaresima, i visillanti si incontrino ogni venerdi, una volta nei majazzeni,per provare il canto, affinare le tecniche, aggiustare i toni.
Il canto probabilmente di origine bizantina è intonato da un gruppo di almeno dieci persone che in una corale polifonica si scambiano i ruoli; così la prima voce cede il passo alla seconda per poi tornare come rinforzo insieme al coro.

I VISILLANTI

Cu primissu di tuttu l'uditoriu
nni prisintamu: semu i Visillanti.
Cu nostru cantu vulemu salvari
canzuni, cunti, filastrocche e canti
pi tramandarli a sti giuvini strani
chi si scordunu a nostra bedda
terra e cantunu canzuni miricani.
Nui cantamu i canzuni siciliani
du tempu anticu di la carestia,
di quannu pani iancu non ci'nnera
e i poveri ddumaunu a lumera.
E lu Venneddi Santu appressu e Vari
ricurdandu la morti du Signuri,
nuddu megghiu di nui canta a Visilla:
stu cantu tristi diventa lamentu,
stu lamentu diventa dispiratu
tantu di fari chianciri a sadduzzu
macari i battituri i purticatu.
I genti chi sinteru u nostru cantu
nni dettiru curaggiu e appruvazioni
dicendu: " a Barcellona cci vulia
un gruppu comu o vostru e cosi sia "!


Con simpatia
Maria Morganti Privitera


 
Torna ai contenuti | Torna al menu